Classe energetica solo nel 12,7% degli annunci immobiliari - Studio Tecnico Giachino Giuseppe - Studio Tecnico GIACHINO Geom. Giuseppe

Vai ai contenuti

Classe energetica solo nel 12,7% degli annunci immobiliari

Studio Tecnico GIACHINO Geom. Giuseppe
Pubblicato da in Energia ·

I dati in una ricerca: nel Nord Est la percentuale è del 18,9%, al Sud del 3,8%

09/02/2012 - Dopo poco più di un mese dall’entrata in vigore dell’obbligo di indicare la classe energetica degli edifici negli annunci immobiliari di vendita o locazione, solo nel 12,7% dei casi l’obbligo è stato rispettato. Il dato emerge da una ricerca condotta da Immobiliare.it.
“Se nei primi giorni di gennaio - dichiara Carlo Giordano, Amministratore Delegato di Gruppo Immobiliare.it - analizzando gli oltre 700mila annunci presenti sul nostro sito avevamo rilevato un 4,7% di inserzioni in regola, a distanza di un mese mesi la situazione è migliorata. Le differenze tra regione e regione però sono nette e mostrano una reazione non uniforme all’introduzione della normativa”.
Lo studio ha analizzato le differenze tra Nord, Centro e Sud: nel Nord Est, ad esempio, la percentuale di annunci con certificazione energetica è salita al 18,9%, mentre a Nord Ovest è al 15,6%; al Centro Italia siamo all’8,8% e al Sud al 3,8%. Tra le province, quelle con i livelli più elevati di certificazione sono Bolzano (oltre un annuncio su quattro, il 25,6%) e Trento (22,0%), seguite a distanza da Milano (11,3%) e Torino (10,2%). Roma è ferma al 5,2%, mentre il fanalino di coda dell’indagine è Palermo, che arriva allo 0,9%.
Immobiliare.it spiega il motivo per il quale gli immobili in regola sono relativamente pochi: ad oggi l’unica Regione che sanziona il mancato adempimento dell’obbligo è la Lombardia (previste multe fino a 5.000 euro) che, comunque, è stata costretta dalla levata di scudi dei proprietari di casa e dei professionisti di settore a mitigare l’introduzione della norma, escludendo dalle sanzioni gli annunci che fanno riferimento ad un contratto sottoscritto entro il 31 dicembre 2011.
Ma i problemi maggiori - spiega Immobiliare.it - li hanno i privati: solol’1,5% degli annunci pubblicati da loro è dotato di indicazione della classificazione energetica dell’immobile messo in vendita o affitto (a fronte del 12,9% degli annunci pubblicati da agenzie).
La rilevazione condotta da Immobiliare.it considera come validi solo gli annunci che riportino, come richiesto dalla normativa, sia la classe energetica sia l’indice di prestazione energetica dell’immobile, un valore, questo, presente solamente nell’Attestato di Certificazione Energetica (ACE). Si escludono automaticamente tutti quegli immobili che, attraverso autocertificazione, erano stati collocati direttamente nella classe G, quella peggiore in assoluto; questa procedura non è più ritenuta corretta e sta obbligando privati e agenzie a correre ai ripari. Se nei mesi scorsi gli annunci dotati di certificazione energetica erano prevalentemente di immobili nuovi, oggi, sul totale l’80,4% è usato.

La situazione degli immobili oggi

Ma qual è, oggi, lo stato degli immobili in vendita? Se il 24% appartiene alla classe C, segno di una qualità media comunque buona, una percentuale identica si trova nella classe G, la peggiore; in questa categoria ritroviamo gli immobili più vecchi, che anche con importanti (e costosi) interventi di ristrutturazione non potrebbero comunque arrivare in classe A. Questa la classifica completa della distribuzione degli immobili certificati: Classe A - 14%; Classe B - 8%; Classe C - 24%; Classe D - 8%; Classe E - 9%; Classe F - 13%; Classe G - 24%.
“La normativa sulla classificazione energetica anticipa una richiesta comunque tassativa al momento del rogito - continua Giordano - e quindi, più che essere un freno al mercato immobiliare, deve essere letta come uno strumento in più per l’acquirente, che sa sin da subito quello che sarà il livello medio dei consumi dell’immobile”.

In merito all’incidenza della classificazione energetica sul costo dell’immobile, va detto che è piuttosto difficile isolare questo solo aspetto rispetto alle generali condizioni dell’immobile; ad ogni modo, immobili simili ma con classi differenti possono subire un’oscillazione di prezzo di vendita che può arrivare anche al 30% a seconda che siano in classe A o G. Ad esempio, per un bilocale usato di 65 mq, in zona semicentrale a Milano, il prezzo può variare da 448.000 euro se in Classe A a 362.000 euro se in Classe D a 339.000 euro se in Classe G. Lo stesso bilocale a Roma va da 421.000 euro se in Classe A a 340.000 euro se in Classe D a 321.000 euro se in Classe G.

Fonti di questo articolo:



Nessun commento

Designed by Studio Giachino
info@giachinogiuseppe.it
Studio Tecnico GIACHINO Geom. Giuseppe
- contrada Pirato sn - 94018 Troina (EN) - p.IVA: 0043 277 086 5
- Copryright (C) 2012 - Informativa sulla Privacy -
Torna ai contenuti
Contatore per siti